Museo d'Arte Sacra

Un prezioso museo nel cuore della Toscana

Da Andrea di Giusto a Cenni di Francesco, passando da Filippo Lippi. Una storia lunga mille anni

Il Museo d’Arte Sacra a Montespertoli è stato inaugurato nel 1996. Il patrimonio delle opere raccolte nel Museo proviene sia dalla pieve di San Pietro in Mercato che dalle sue suffraganee, ma anche dalle chiese degli altri due pivieri, ossia gli antichi raggruppamenti ecclesiastici considerati come realtà storico-culturali autonome.

La coincidenza tra gran parte del territorio dei pivieri e quello dell’attuale Comune di Montespertoli, ha indotto a ordinare le opere contenute nel Museo sulla base dei pivieri, infatti nello stesso ambiente sono esposti i dipinti, le argenterie e gli arredi lignei provenienti dalle medesime chiese, ma, per ragioni di conservazione (clima e luce) vista la fragilità dei materiali, è stata prevista una sezione speciale per i paramenti e i manoscritti.

La prima sala del percorso, il cosiddetto Salone, è dedicata al piviere di San Pietro in Mercato. Qui sono esposti, accanto ad opere provenienti dalla pieve e legate agli antichi patroni, i Machiavelli, dipinti, oreficerie e arredi provenienti da San Lorenzo a Montegufoni, sotto il patronato della famiglia Acciaioli (Madonna col Bambino di Lippo di Benivieni, gemellion del XIII secolo, argenterie romane legate al cardinale Niccolò Acciaioli), ma anche da piccole chiese ormai scomparse.

La seconda sala del Museo, detta “sala verde” per il colore delle pareti, è dedicata interamente alle chiese di Santa Maria a Torre e di San Bartolomeo a Tresanti, con dipinti, argenterie e arredi del Seicento e del Settecento.

La terza sala, detta “sala gialla” per il colore della finta tappezzeria, espone le opere provenienti dai pivieri di Santa Maria a Coeli Aula e di San Pancrazio, tra le quali si segnalano la Madonna col Bambino di Filippo Lippi e un raro fonte battesimale in marmo scolpito, della metà del XII secolo.

La sala dei paramenti e dei manoscritti è un’ulteriore testimonianza della ricchezza di questo territorio e anche della vitalità del Museo, che ha visto nel 2000 la sua collezione impreziosirsi con il recente acquisto del manoscritto del 1456, Rituale per la benedizione del fonte battesimale del sabato santo, legato a Francesco Machiavelli.

Il Museo d’Arte Sacra a Montespertoli. Proto Pisani R. C. R. (a cura di), Firenze, 1995.

Emozioni al museo: il museo d’arte sacra di Montespertoli. Ragionieri R., Zingoni, Pisa, 2001.

Gallery

Contatti
Museo di Arte Sacra di Montespertoli
Via San Piero in Mercato, 233
50025 Montespertoli (FI)
+39 0571 600255
ufficioturistico@comune.montespertoli.fi.it
info@visitmontespertoli.it
Orari

A causa della situazione epidemiologica, il museo è temporaneamente chiuso.

Scarica la guida
Ed. Polistampa
Mappa
Nel cuore della Toscana
Meteo

Sabato in Arte

In attesa di poter riaprire le porte dei nostri musei, vi portiamo alla scoperta di alcuni dei “tesori” custoditi all’interno del Museo d’Arte Sacra. Iniziamo questo “viaggio” dalla splendida tavola attribuita a Filippo Lippi, “Madonna con bambino” e proveniente dalla Chiesa di Sant’Andrea a Botinaccio.

Condividi